Forum




Relogicon








Ci sono diversi modi di fare ogni cosa.
Alcuni sono giusti, altri sbagliati, c'è il peggiore di tutti e il migliore di tutti.

Ci sono diverse intensità di sforzo per ogni cosa che facciamo.
Alcune non bastano, alcune sono eccessive e una è sufficiente.


I

L’attuale situazione non è sostenibile; viviamo in un mondo limitato, di risorse limitate e cerchiamo la crescita costante. C’è, senza dubbi, un momento in cui l’espansione umana eccede la sua sostenibilità. Quando questo succede, l’infelicità cresce continuamente – poiché questa è soltanto limitata da quanti siamo – finché non si ritrova l’equilibrio attraverso cambiamenti inevitabili. Questi cambiamenti, come ogni cosa, possono avvenire in diverse forme.

Siamo divisi e ci dividiamo in tanti modi. Le differenze tra le persone possono dividere e le somiglianze che derivano da queste differenze possono unire. Siamo noi a decidere quali differenze o somiglianze usare come riferimento per dividerci o unirci. Origine genetica, religione (o la sua assenza), sesso, scelte politiche e potere economico, con altri, sono visti come fattori che definiscono i gruppi di cui siamo parte o a cui ci opponiamo. Comunque sia, il luogo di nascita è il fattore più utilizzato per discriminare, categorizzare e dividere.

Una persona non può scegliere o cambiare il suo luogo di nascita e, solitamente, questo stabilisce le regole sotto cui dovrà vivere tutta la sua vita, senza che ci sia effettivo riguardo per ciò che ritiene giusto. Ogni società è governata da un grande numero di leggi, sconosciute per la maggior parte della popolazione. Tra queste leggi che sono, in teoria, solitamente buone e giuste, ci sono, senza dubbi, leggi che difendono gli interessi di alcune parti di ogni società in un modo ingiusto.

Se non si è d’accordo con queste leggi, le opzioni sono: cambiare le leggi, infrangerle o cercare di diventare parte di un’altra nazione (se ce n'è una che funzioni come si crede che una nazione debba funzionare).

È innegabile che sia possibile vivere la vita in modi peggiori di quanto lo stiamo facendo.

È ugualmente innegabile che ci sono modi migliori di organizzarci; modi che generano meno problemi e più risultati positivi. Ci sono modi migliori di vivere – e tutti noi vogliamo vivere la miglior vita possibile. La cosa migliore che una persona possa fare è esser parte del processo che trasforma il nostro mondo nella sua versione migliore.

Per cambiare il modo in cui la società funziona, si deve, di solito, scegliere tra riforma o rivoluzione. La riforma è lenta e obbedisce a limiti imposti da complessi accordi e situazioni che cerca di migliorare. La rivoluzione è veloce, impetuosa e non deve rispettare nessun tipo di accordo o norma. Noi proponiamo un’altra opzione.


II


Cambiare il Paese in cui vivi adesso, per renderlo più interessante per te, vuol dire che questo Paese diventerà, di conseguenza, meno interessante per qualcun altro. E questa persona, e tutti quelli che sono d’accordo con questa persona, possono, e probabilmente lo faranno, cercare di cambiare il Paese per renderlo più come loro lo desiderano – e meno come tu lo desideri. Questo conflitto è interminabile se continuiamo a raggrupparci basandoci sul luogo di nascita. Questo era inevitabile in passato, quando la comunicazione era limitata e la migrazione era impossibile per la maggior parte della gente. La tecnologia attuale cambia questo.

In qualsiasi attività è impossibile trovare equilibrio e raggiungere uno stato ottimale se le regole che la governano non sono conosciute e concordate dalle persone coinvolte. La gente deve accettare consapevolmente il modo in cui farà qualcosa prima di farla, se si vuole raggiungere il risultato migliore. L’ignoranza e la mancanza d’accordo sono le radici della maggior parte dei problemi.

La scelta consapevole di seguire certe regole e condizioni è fondamentale per il successo di qualsiasi cosa un gruppo di persone decida di fare. Purtroppo, questo non è possibile quando si tratta del più importante di tutti gli accordi: le leggi che un Paese obbliga i suoi cittadini a seguire.

Il luogo di nascita non è più quello che definisce il gruppo di cui siamo parte. Possiamo scegliere altre differenze (e le somiglianze che le contrastano) per decidere chi siamo. Essere d'accordo sul modo in cui uno Stato debba organizzarsi è un fattore molto più rilevante ed efficiente di qualsiasi altro per organizzare le nostre società.

Quelli che vogliono che questo mondo diventi la sua versione migliore devono unirsi. E unirsi in accordo; se non c’è armonia tra quelli che producono il cambiamento, non ci sarà armonia nel risultato.

Quindi c’è un gruppo che consiste di tutti quelli che sono d’accordo tra di loro su come questo mondo possa essere meglio di quanto sia, anche se alcuni non si conoscono ancora. I membri di questo gruppo si conosceranno attraverso l’uso della tecnologia moderna. Questo gruppo diventerà una società. Questa società raggiungerà uno stato di armonia, in cui tutti i membri sono d’accordo su come le cose che importano davvero debbano essere fatte. E finalmente questa società diventerà uno Stato di Armonia.

Questo processo è vantaggioso per tutte le persone di questo Pianeta. È anche inevitabile.


III


Questa nazione virtuale sta pianificando una società ottimale; una società che usa saggiamente la tecnologia per procurare cibo, casa, salute ed educazione ai suoi cittadini e in cui non c'è crimine, corruzione o guerra. Una volta che il disegno è concluso e che tutte le regole di questa società ottimale sono state concordate, questa nazione virtuale recluterà tutta le gente necessaria per portare il progetto al livello successivo.

I membri di questa società stanno lavorando insieme in cerca dell'unanimità. Ci sono miliardi di persone in questo mondo. Mentre c'è molto disaccordo, ci sono certamente buone quantità di persone d'accordo tra loro. Sono fisicamente separate, ma hanno un fine comune. Queste persone si uniranno.

Dopo che l'accordo sarà stato trovato, le regole saranno state definite e le risorse saranno state riunite, questa Nazione virtuale richiederà formalmente la creazione di uno Stato fisico – in una terra dove poter vivere insieme sotto le regole consciamente concordate. Certamente, una volta che le Nazioni di questo mondo avranno visto l'unicità e l'armonia della gente di questa Nazione virtuale, riconosceranno la verità e la logica di una così semplice richiesta. A quelle Nazioni sarà anche chiaro che la creazione di un tale Stato avrà effetti positivi sui loro stessi Paesi.

Questo processo potrebbe sembrare complesso e qualcuno potrebbe perfino dire che è impossibile, ma ci sono due generi di società che sono un esempio di questo processo e che esistono attualmente sul nostro Pianeta.

Alcuni esempi di società formate da gente che ha lasciato la propria terra di origine per vivere sotto nuove leggi sono le Città Libere, le comuni, gli eco-villaggi, ecc… Sono radunati su un pezzo di terra, condividono responsabilità, risorse e ideali. Puntano ad essere sostenibili, felici e pacifici. Queste società comunque non hanno sovranità e solitamente sono di dimensioni troppo piccole per essere in grado di durare.

Un altro gruppo di società formate da gente che ha lasciato la propria terra di origine per vivere sotto nuove regole è quello delle Nazioni americane. Centinaia di anni fa, genti di diversi Paesi europei, asiatici e africani è migrata in un nuovo continente, dove hanno costruito nuove società che infine hanno acquisito una propria sovranità. Queste società comunque non puntano ad essere sostenibili, felici e pacifiche – al contrario, ambiscono a una crescita continua.


IV


Con la creazione di questo nuovo Stato che punta a provvedere ai bisogni dei suoi cittadini proteggendone la dignità e tutto quello che ci lega come umani, la rotta per una soluzione pacifica a tutti i conflitti e problemi del genere umano diventerà evidente.

Questo Stato non avrà armi, eserciti, interessi nell'ampliare i proprio confini o attaccare gli altri, o qualunque ambizione che ostacoli il benessere dei suoi cittadini e vicini. Un'amicizia naturale con gli altri Stati sarà la conseguenza dell'essere composto da ex-cittadini di quegli Stati, ma anche per i suoi obbiettivi primari; dare alla sua gente ciò di cui ha bisogno, utilizzando la scienza per ottenere risultati ottimali e lo sviluppo del genere umano nel suo insieme. Una volta che questo Stato sarà diventato funzionante e i risultati della reale armonia verranno alla luce, sarà inevitabile che altri gruppi d'accordo fra loro organizzino progetti simili. Finché sarà seguita una serie di leggi internazionali basilari, che definiranno i diritti comuni a ogni essere umano, un buon numero di Stati potrà essere progettato. La chiave di questa situazione è trovare questo insieme fondamentale di leggi che proteggono tutto ciò che è comune a ogni essere umano; esempi di questo tipo di tentativi sono i “dieci comandamenti” o i “dichiarazione universale dei diritti umani”, che furono reputati veri e applicabili (e vantaggiosi) per qualunque vita umana.

Una volta che questi punti in comune saranno trovati, ci sarà spazio per parecchi generi di piccole variazioni; finché le specifiche legislazioni non feriscono le leggi generali, potranno essere arrangiate in molte forme. Le leggi sul matrimonio possono essere diverse, il sistema educativo può essere differente, si può preferire l'eguaglianza o ineguaglianza di generi, il diritto alla proprietà può esistere o no; finché i cittadini di quello Stato sono d'accordo consciamente su quelle specifiche legislazioni e nessun principio basilare viene infranto, tutti questi differenti Stati possono vivere in pace, anche se qualcosa che avviene in uno è socialmente inaccettabile in un altro; “Stati religiosi” possono coesistere in pace con “Stati agnostici”, dal momento in cui non ci sono agnostici nello Stato religioso e viceversa ed entrambi gli Stati hanno gli stessi obiettivi primari: nutrire e proteggere i propri cittadini e perseguire la felicità senza ferire coloro che li circondano. Non appena il primo di questi Stati verrà creato, tutti gli altri vorranno prendere parte di questo processo.

I Paesi lasciati da queste persone riceveranno un effetto positivo da questo movimento; solo coloro che sono infelici e resistono contro il loro stesso sistema andranno incontro a uno sforzo. Questo significa che i Paesi che loro lasceranno avranno una persona in meno che si oppone all'obiettivo della Nazione. Il risultato di questo sarà meno conflitto. Coloro che saranno disposti a migrare e partecipare a questo Stato di armonia saranno sostituiti da persone che saranno più disposte ad accettare ciò che essi hanno rifiutato. Col tempo, un gran numero di gente infelice abbandonerà le proprie Nazioni di partenza per unirsi a queste nuove Nazioni pacifiche, vicine alla loro idea di come la vita sia. Coloro che controllano le risorse e hanno del potere nella situazione attuale avranno centinaia di anni per godersi la loro situazione, fino a che gradualmente si integreranno in questa nuova forma di società, senza cambiare il loro modo di vivere al fine di evitare il conflitto, né ricorrendo alla violenza per mantenere il proprio potere.


V


C'è chi ha fede religiosa e chi non ne ha.

Coloro che non hanno fede religiosa saranno interessati al successo di questo progetto per una ragione molto semplice: è l'unico modo per vivere in un Paese assolutamente privo di gente religiosa.

Coloro che hanno fede religiosa saranno interessati al successo di questo progetto per una ragione molto semplice: è l'unico modo per vivere in un Paese in cui assolutamente chiunque ha la stessa fede.

Dal punto di vista di un non credente, è il modo più efficace di cercare la verità e vivere una vita salutare; senza i mali che essi sostengono che la fede porti alla società, saranno in grado di sviluppare pienamente le loro idee. E lasciare che i gruppi religiosi si prendano cura di loro stessi, con o senza l'uso della scienza, lontani dalle loro scuole secolari e dai loro governi.

Dal punto di vista di un credente, è il modo più efficace di cercare la verità e vivere una vita salutare; senza i mali che essi sostengono che la mancanza di fede porti alla società, saranno in grado di sviluppare pienamente il loro rapporto con Dio. E lasciare che Dio prenda cura di coloro che non hanno fede, lontani dalle loro scuole religiose e dai loro governi.

Come nel cambiamento riguardo riforma o rivoluzione, c'è una dualità nella fede – e solitamente credere in Dio è il fattore decisivo. Se non c'è Dio, non c'è fede. Ma anche riguardo ciò, noi proponiamo qualcos'altro.

È chiaro che per la maggior parte della gente la fede è una necessità. A un certo punto della vita, la maggior parte di noi si rende conto che abbiamo bisogno della fede, per vivere; è il motore che mantiene la vita in corsa e le dà un significato. Questo bisogno di fede dovrebbe essere soddisfatto nel modo più efficiente. Se si deve avere fede, che la fede sia tesa a qualcosa di semplice, produttivo e buono; salute generale e felicità. Fede nel genere umano. Qualcuno riconosce il genere umano come l'unica reale entità più grande di loro stessi. Rivolgere la loro fede a questa entità esterna e dare un significato alle loro vite perseguendone il miglioramento è il modo più logico di soddisfare il bisogno di fede.

E non c'è Dio che potrebbe disapprovare ciò – gente che ha fede nella Creazione di Dio credendo che il mondo che Dio ci ha dato possa essere pacifico ed armonioso.


VI




In molti parlano della Fine e del Giudizio, dello Spostamento e del Cambiamento.

Cogliete questa opportunità per esaminare la fine di ciò che fu e cominciare a vivere ciò che è inevitabile, il mondo che sarà. Ambisci al migliore dei mondi possibili e agisci di conseguenza.

Chiunque fosse unico, sarebbe da solo. Fortunatamente nessuno lo è – e possiamo dire che la nostra voce è anche la voce di coloro che sono d'accordo con noi.

Sinceramente,
Una parte di esistenza.




Unisciti a noi